Lello vittima innocenteposted: 23/11/2020 at 13:04:49
Caro Lello,
non so che esisti, ma il 23 novembre 1996 ti conosco… quando vieni ucciso dalla camorra… perché rifiuti di pagare il pizzo… consapevole della condanna al patibolo da parte dell’ingiustizia organizzata.
Il mio maestro Antonino Caponnetto sente di venirti ad abbracciare al funerale.
La mia mente sobbalza al pensiero di un romanzo di Erich Maria Remarque, divorato durante l’adolescenza. Racconta di un soldato tedesco che, durante la seconda guerra mondiale, spira al fronte nell’indifferenza: quel giorno il Bollettino di Guerra recita: “Niente di nuovo sul Fronte Occidentale”.
Anche il tuo sacrificio passa inosservato: “Niente di nuovo in provincia di Napoli”.
Poi nasce, cresce, si moltiplica l’antimafia sociale torrese, nell’ambito di quella nazionale, in particolare fra ragazze e ragazzi, e ogni giorno, ogni 23 novembre, il Bollettino di Pace riporta: “Lello Pastore è vivo nonostante la morte”.
Caro Lello, ti abbraccio forte forte, come fanno bambine e bambini, e ti tengo stretto stretto al suolo terreno, assieme a tua moglie Bea, ai tuoi figli Salvatore e Giuseppe, ormai grandi, che continuano a testimoniare, assieme ad un mare di persone.


back to the index













 
Archivio Notizie

< Gennaio2021 >
S M T W T F S
      1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31       

Mese corrente
Anno corrente

Anno precedente

Due Anni fa

Tre Anni fa

Links
>> micheledelgaudio.it
>> 1893.tv Facebook
>> Interviste
 

Web design: © 2010. Einsteinweb