Mario Almerighiposted: 24/3/2021 at 18:47:02
Da giudice d’assalto cura processi che fanno storia, a partire dal cosiddetto scandalo dei petroli del 1974. È membro del consiglio superiore della magistratura, presidente dell’associazione nazionale magistrati, scrittore… Il suo corpo è sepolto nel 2017, il suo pensiero no.
Ciao Mario, come stai?
Lo so che stamattina sono in ritardo, ma i sogni reclamano più tempo.
Osservo una tua foto. Quella con il sorriso colorato di futuro. L’ho messa sulla scrivania.
È vero, ti prendi cura di me da quel piovigginoso, ma ansioso di sole, mezzogiorno savonese dell’ ’83.
Fin da allora scorgi la mia schietta inesperienza e la solitudine di una responsabilità troppo grande per me. Mi disegni sul viso la tua utopia: sei convinto che sperare non è solo logico, ma vitale, perché ci obbliga all’impegno, ci rende felici già mentre sviluppiamo l’azione, a prescindere dal conseguimento dell’obiettivo.
Imparo guardandoti vivere, trasformare ogni vittoria in umile tassello, ogni sconfitta in nuova energia: la discreta fatica del pensare, l’intrigante affanno dell’agire!
Quanti ostacoli affronta il tuo percorso di diffusione dei valori costituzionali, dell’indipendenza della magistratura, della cultura della legalità. Cerchi subito l’appoggio di studentesse e studenti, all’inizio di uno sparuto numero di scuole, e, nonostante le barriere che “i senza amore” ti frappongono, gradualmente i fallimenti diventano successi, fino a che tutte le scuole dispongono di docenti referenti e progetti per la legalità. Il bene sa vincere perdendo. Anche se fra vincere e perdere tu preferisci continuare a lottare.
La legalità!? È come una barca su cui attraversare il mare e giungere sull’isola che traspare all’orizzonte, verdeggiante di giustizia.
E l’indipendenza!? “Michi, preferisci un giudice che obbedisca ai potenti o che non guardi in faccia a nessuno? Questa è l’indipendenza!”.
Mi trasmetti il coraggio, non solo quello di agire, ma anche quello inquieto di avere paura: la tua mi fa accettare la mia, senza che mai ci impongano il cammino.
Per te il magistrato è innamorato della Costituzione non delle leggi. Gli piace la vita! È felice!
… Mario, adesso vado a scrivere una poesia e poi torno a parlare e giocare con te!



back to the index













 
Archivio Notizie

< Ottobre2021 >
S M T W T F S
      1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31       

Mese corrente
Anno corrente

Anno precedente

Due Anni fa

Tre Anni fa

Links
>> micheledelgaudio.it
>> 1893.tv Facebook
>> Interviste
 

Web design: © 2010. Einsteinweb