Rosy Bindiposted: 15/1/2022 at 15:59:37
Vangelo e Costituzione
È l’estate del 1995, in aula si discute la proposta di legge presentata il 28 febbraio col n. 2115 da Bassanini, Elia, Mattarella, Bindi, Del Gaudio e altre/i, per la modifica degli articoli 64, 83, 135, 138 della Costituzione, allo scopo di mantenere la maggioranza qualificata dei due terzi, senza scendere a quorum minori, in materia di regolamenti parlamentari, elezione del presidente della Repubblica, nomina dei giudici costituzionali, approvazione delle leggi costituzionali e di revisione della Costituzione.
La seduta è sospesa per un’ora.
Passo dalla posta: cianfrusaglie e una lettera di Luigi Berlinguer, il mio capogruppo, sui lavori della commissione contro stragi e terrorismo, di cui sono membro.
Salgo nella Sala del Mappamondo per un breve incontro con gli indipendenti del Gruppo.
Poi entro nell’ascensore d’inizio ‘900.
- Ciao Rosy, anche tu apprezzi l’antico?
- Se questo è lontano, prendo i moderni; ma quando apro queste porte, elegantemente vetuste, provo una sensazione di storia!
- Io evito i locomotori telematici, mentre sono sedotto dalle maniglie palpitanti di narrazione umana, dal parquet delicatamente consunto, compagno di ascesa e discesa di deputati illustri e malfattori... Hai qualche minuto per dialogare un po’?
- Sì, con piacere, signor poeta!
- Sono solo emotivo… anche verso le cose!
- Sai che ti chiamano il gatto randagio della notte? Ma è vero che ti piace la camera a luci spente?
- Sì, ormai conosco ogni angolo, ogni mobile, ogni quadro, ogni poltrona… La prima dopo la stupenda Sala Verde è la mia preferita: è la più morbida di tutte… è sta usata più delle altre per la sua posizione strategica, quasi quella del timoniere del Transatlantico; che di giorno illumina e riflette luce intensa da ogni punto… di notte, nella apparente cecità, si veste di un buio selettivo che mi include; sviluppa in me una sensibilità più docile e sinuosa, che si appoggia sugli oggetti, assaporando colori e calori mutevoli secondo l’ora e il chiarore. Riesco a cogliere questi mutamenti che nessun altro è in grado di avvertire. Voglio quasi bene ad ogni particolare…
- E allora vada per la Sala Verde!
- Incanta anche te?
- Ha un suo fascino! Quel liberty dell’arredamento, del lucernario in fiore, colorati in cangianti tonalità di speranza. Hai ragione, non è solo un ambiente confortevole per la lettura dei giornali.
- È la mia alcova! Mi raccolgo a meditare! Ci dormirei e al mattino sarei radioso!
- Rosy, ti coinvolge la proposta di legge?
- L’ho firmata! E l’hai firmata anche tu!
- No, è che comunque intende cambiare la Costituzione così cara a don Giuseppe Dossetti.
- Gli ho parlato! È favorevole!
- Sì, me lo ha detto che sei andata a trovarlo! Ti stima molto!
- Stima anche te! Anzi penso che per te abbia un debole!
- Da quando ha scritto la soffice, vigorosa, fertile prefazione al mio volumetto “Vi racconto la Costituzione”, è germogliato qualcosa di indescrivibile. È il mio maestro! Assieme ad Antonino Caponnetto! Sono le mie stelle comete: non le raggiungerò mai, ma mi indicano il cammino!
- Io sono cresciuta, con don Giuseppe. È l’ispiratore del cattolicesimo democratico, in cui credo!
- Ho chiesto la loro “benedizione” e poi ho accennato la mia convinzione a Franco Bassanini. Siamo seduti accanto! Mi ha risposto che gli frullava nella testa già da un po’: “Che ne pensa Dossetti?”. “È d’accordo!”. “Redigo l’atto!”.
- Ma perché è lui il primo firmatario se la fonte sei tu?
- Io sono un umile “peones”, al quale non interessa la paternità delle idee ma la loro diffusione. Faccio mille passi indietro di fronte a Franco! Che poi ha acquisito le sottoscrizioni di Leopoldo Elia, Sergio Mattarella e tanti altri nomi prestigiosi.
- A me ha persuaso subito! Certo è strano che bisogna mutare la Costituzione per difenderla da una legge ordinaria!
- È il sistema elettorale maggioritario! Una scelta dovuta dopo il referendum!
- Leopoldo sostiene che le forze politiche che vincono le elezioni maggioritarie, godendo almeno del 51% dei seggi, possono, dopo le prime votazioni con i due terzi, riformare la Costituzione come vogliono con la maggioranza assoluta. Anche se resta il referendum: il popolo non accetterà ma lo stravolgimento della sua Carta Fondamentale!
- Fra poco prende la parola!
- Anche lui Dossettiano!
- Per don Giuseppe la Costituzione è un armonioso piano architettonico, espressione della nostra civiltà, che deve anticipare e prevenire, onde avviare veramente una nuova struttura sociale.
- Io amo le sue parole sulla persona che nasce libera, e perciò felice. La società che toglie la libertà toglie la felicità. Occorre uno Stato con il fine esclusivo di difendere e lasciare operare la naturale libertà di cittadine e cittadini.
- Alla Costituente è avvenuto qualcosa di arcano, di prodigioso! Nonostante il dibattito anche aspro, hanno sempre prevalso gli ideali e i sentimenti. Dossetti e Togliatti, grazie ai conflitti e alle sintesi, sono diventati “amici”, componenti della stessa squadra!
Passa Bassanini: “Riprende la seduta! Dobbiamo essere compatti! Grazie, Rosy, per il tuo proselitismo!”.
- Allora c’è anche il tuo zampino!
- Oh, Michele, guarda che sul comodino della mia casa e della mia vita ci sono il Vangelo e la Costituzione!
michi del gaudio



back to the index













 
Archivio Notizie

< Dicembre2022 >
S M T W T F S
     1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
       

Mese corrente
Anno corrente

Anno precedente

Due Anni fa

Tre Anni fa

Links
>> micheledelgaudio.it
>> 1893.tv Facebook
>> Interviste
 

Web design: © 2010. Einsteinweb