Democrazia e trasparenzaposted: 13/6/2014 at 14:20:02
Cari amici, perdonatemi se insisto sul trasferimento del commissario Troiano, ma ho l’impressione che stiamo combattendo una partita decisiva contro i poteri forti locali, asserviti ad altri più ampi e virulenti. Se vinceranno, sarà più complicato estirpare la loro voracità, variegata dalla pagnotta ai grandi affari. E sia ben chiaro che non stiamo parlando della sola politica, spesso stracciona, ma di cerchi concentrici a circonferenza progressiva che si fermeranno solo quando non ci sarà più nulla da succhiare. Ecco perché sono rammaricato per il comportamento del questore, che ha comunque risposto alla mia lettera aperta:
Preg.mo
On.le Michele DEL GAUDIO
-Magistrato e Deputato Emerito-
Egregio Dottore,
Averle negato un colloquio non costituisce una forma di “arroganza del potere” (coma de Lei definita) per il semplice motivo che non esercito alcun potere!
Semmai, in ragione dell’incarico che mi è stato affidato, esercito una funzione con le responsabilità che ne conseguono e, tra queste, non è di certo compresa quella di spiegare “urbi et orbi”, tantomeno attraverso gli organi di informazione cui Lei ha ritenuto di ricorrere, ragioni, esigenze, criteri e finalità del mio lavoro.
Le Sue considerazioni sul conto del Sostituto Commissario Antonio TROIANO non richiedono alcun approfondimento sul piano del metodo, che non condivido, né sotto il profilo del merito, che non mi riguarda.
Tanto premesso, le confermo che un colloquio che abbia per oggetto l’incarico del citato Sostituto Commissario non è ipotizzabile né giustificabile e, dunque, non avrà luogo.
La saluto cordialmente.
Guido MARINO
Ed ecco la mia replica:
Ill.mo signor questore, innanzitutto la ringrazio per la risposta che rispetto profondamente, anche se mi spiace che la sua interpretazione della democrazia sia diversa dalla mia. Come differente è quella del principio di trasparenza. Sin da quando ero giovane magistrato ho lottato per istituzioni come case di vetro in cui i cittadini possano vedere tutto ciò che vi accade. Mi sono battuto affinché le sentenze dei giudici siano comprensibili a tutti; e, grazie ai pionieri di allora, oggi sono tanti i magistrati che scrivono i loro provvedimenti in modo semplice e chiaro, motivando punto per punto, come richiede la Costituzione.
Le comunico che andrò, andremo avanti, perché il trasferimento del dottor Troiano non può, a nostro umile parere, essere giustificato da reali esigenze di servizio. Sicuramente ci sono altri luoghi a rischio camorra, ma Torre è in prima fila, ancora di più dopo i due omicidi e i fermi dei giorni scorsi. E Troiano è utile soprattutto qui, essendo non solo un ottimo investigatore, ma anche una delle memorie storiche della vita criminale della zona.
Sperando in un suo ripensamento,
suo michele del gaudio



back to the index













 
Archivio Notizie

< Dicembre2018 >
S M T W T F S
       1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31      

Mese corrente
Anno corrente

Anno precedente

Due Anni fa

Tre Anni fa

Links
>> micheledelgaudio.it
>> 1893.tv Facebook
>> Interviste
 

Web design: © 2010. Einsteinweb